Piangere

Sognando il punto più lontano. Estremo casuale impossibile.

Toccare. L’orizzonte sfiorare. Galleggiando terra ferma Immobile irrealtà.

Ruotare. Con gli occhi cercare. Ignorando interferenza.

Aiuto aiuto chiamava Ignota la meta. Scordata. Infinite linee taglienti.

Casuale.

Riflesso

Inesplicabile seppur corrotto è quel caldo e gelido vento che deforma il battere androgino. Crucciata per lo spaventoso autociticismo che divora lento le membra di un corpo ancora vivo. Sbatto contro insurrezioni di adrenaliniche percezioni, e sollecito il mio ritmo a mantenersi suono .

Tormento

Corrodendomi sul pavimento

riverso l'acido sul mio tormento,

accendo un fuoco, accanimento,

distacco l'anima, allieviamento,

rilevo l'apice, adempimento.

Vuoto

Profano entrar nel cuore mio con insidia e poca padronanza, tener costretto te, poco serve se non laverai da spalle gravi e curve amor passato,ma irrisolto è il quesito del vuoto che avverto.

Vertigine

Nativa la crepa sul cuore che pulsa

Ma lento è il rosso che invade.

Lieve è il dolore perché lacrime rigarmi il riso possano.

Ritorno, dalle tenebre all'oscurità

dove dolce è la luce che filtra.

Prendetemi per mano

Prendetemi per mano e spingentemi nel baratro piu profondo cosicché dimenticherò di cadere, crederò di volare.